Le costruzioni in legno: un gioco da riscoprire

building-blocks

Chi non ha mai giocato con i blocchi da costruzione in legno quando era piccolo?

Se consulti maestre, educatori o leggi qualche libro sullo sviluppo cognitivo del bambino, sono tutti unanimi nell’affermare che il gioco delle costruzioni è un’attività importante. Non sto scrivendo questo articolo per farti un trattato sull’argomento, ma piuttosto per darti degli spunti per acquistare e giocare con i blocchi (in particolare di legno), in tanti modi, caratteristica che rende questo gioco sempre nuovo, interessante e mai banale, anche per gli adulti!

Per gli aspetti cognitivi, ti rimando a questo esauriente articolo sul sito di Hukka Toys, ad un breve articolo di una psicologa italiana sull’argomento, ad un’articolo dell’Economist (in inglese) ed infine ad un articolo sul perché scegliere il legno come materiale per i giocattoli.

Considerazioni sulla fabbricazione

Prima di addentrarmi nel gioco, ci tengo a fare alcune considerazioni generali sulla modalità di fabbricazione delle costruzioni in legno.

Esistono molte aziende che producono questo tipofaggio di costruzioni: alcune lo fanno secondo i più rigorosi standard di qualità e sostenibilità ma ad un prezzo, altri invece, per tenere i prezzi bassi, producono in economia. In linea generale è sempre consigliabile acquistare prodotti di prima qualità, anche se i prezzi non sono alla portata di tutti: a titolo di esempio, un set di qualità da 100 pezzi base può costare anche 70€! Non farti scoraggiare dal prezzo alto, se segui anche solo una parte dei miei consigli il tuo investimento sarà ripagato dal fatto che è un gioco indistruttibile e che desta interesse per tanti anni.

La differenza tra un pezzo di qualità e uno scadente è presto detta:

  • il pezzo di qualità non si scheggia,
  • è geometricamente perfetto,
  • non ha spigoli vivi,
  • è compatibile con le altre confezioni della stessa marca,
  • è di legno massello di prima scelta non facilmente intaccabile e
  • non ha nodi o venature troppo manifeste;
  • se è disegnato, inciso o colorato il tratto è uniforme, senza sbavature e molto duraturo.
  • Se poi sei fissato con l’ecologia e la sostenibilità ho una buona notizia: i prodotti di grande qualità prendono il legname da foreste rinnovabili!
  • Se preferisci i pezzi colorati ti informo che vengono utilizzate solo vernici innocue, tanto che anche un bambino di 2 anni può metterseli in bocca.

Di solito le aziende che hanno tutte queste caratteristiche le sbandierano bene già sulla confezione del prodotto con una bella sequela di simboli e certificazioni.

Se sei orientato per qualcosa di più economico, concentrati sugli aspetti di qualità che ti interessano di più e spulcia bene gli scaffali dei negozi: anche se non hanno tutte le suddette caratteristiche, puoi sempre trovare qualcosa che vada bene risparmiando un pò (ma per ora tralasceremo).

Uno dei principali produttori di qualità indiscussa è la HABA (azienda tedesca) che vende i suoi prodotti in tutto il mondo; ne esistono tante di aziende, durante l’articolo troverai tanti link a cataloghi o case produttrici da cui puoi iniziare ad addentrarti in questo mondo creativo.

Se vuoi acquistare prodotti della HABA ti rimando al sito ufficiale da cui potrai trovare tutti i negozi sul territorio.

Tipi di blocchi in legno

blocchi-baseOra che sei informato sulla qualità, ti faccio una panoramica sulla varietà di ciò che è disponibile in commercio: se sei consapevole che esiste anche qualcosa di diverso dai blocchi in legno più comuni (simili a quelli raffigurati nelle foto presentate sin’ora) potrai scegliere con più cognizione.

Ti rimando all’articolo Un’apparente varietà di giocattoli per una disquisizione più accurata del perché certe cose che ti sto per mostrare, non le trovi nei comuni negozi di giocattoli.

Per iniziare, ti presento il tipo di blocco di legno più semplice, e secondo me più apprezzabile, ovvero quello naturale (senza colori, né trattamenti particolari) avente forme geometriche di base (cubo, parallelepipedo, cilindro, prisma, cono, arco, ecc.) di dimensioni combinabili facilmente: per capirsi, intendo quando ad esempio due cubi affiancati occupano lo stesso spazio di un altro pezzo a forma di parallelepipedo e via dicendo, in buona sostanza sono proporzionati.

La proporzione dei pezzi è importante specialmente nei primi anni di vita di un bambino, nei quali è bene che faccia matematica senza numeri; il risultato è simile a quello dei regoli che si adoperano alla scuola elementare.

Aumenta la complessità e aggiungi elementi speciali

Con il tempo, man mano che il bambino diventa più grande, potrai aggiungere altri blocchi più complessi, per far diventare il gioco sempre nuovo, all’altezza delle sue capacita più sviluppate e riutilizzando tutto quello che già possiede.

Ad esempio, usando elementi lunghi/larghi e piatti si possono costruire robusti solai per edifici di dimensioni più grandi o più alti, per realizzare tetti spaziosi, torri a più piani, lunghi ponti, balconi a sbalzo, porte più grandi, ecc.

Previous

Aggiungi un pò di stile

Quando sarà un costruttore più preciso e attento ai dettagli, puoi iniziare ad inserire elementi più lavorati o set speciali da combinare alla collezione di blocchi base. Di seguito alcuni esempi:

Previous

Questi set includono pezzi particolari e prefabbricati come scale, archi di varie forme, colonne tornite ed elementi speciali che appartengono a culture specifiche come romani, egiziani, greci, asiatici, sovietici, maya, ecc. Giocando, interiorizzerà l’arte e lo stile delle culture che poi troverà studiando storia, viaggiando e osservando il mondo.

Un fiume di colori

Se ti piacciono i colori potrai sbizzarrirti! Alcuni set hanno pezzi unici, personaggi e accessori, tetti colorati ed elementi di paesaggio come alberi, animali o mezzi. Di seguito una piccola carrellata:

Previous

Segnalo in particolare il produttore The Wooden Wagon che offre dei set coloratissimi.

Anche i blocchetti base si “agganciano”

varioSe non ti ritieni stupito da quello che ti ho già mostrato, ecco una novità che probabilmente ignori: i produttori hanno inventato dei modi per agganciare saldamente i blocchi di legno, spesso in modo reversibile; i metodi usati sono adatti ai pezzi normali senza incastri, sia ad altri con scanalature e fori predisposti per un aggancio più o meno solido. La ditta Vario/Walachia ad esempio propone una serie di case, ville, forti, torri e castelli da incastrare o costruire/incollare. Qui a fianco un esempio di casetta.
haba-technicsLa HABA invece propone degli inserti in plastica per tenere insieme energicamente i blocchi da costruzione che già sono in vostro possesso, fornendo nel kit Technics anche delle ruote per dare modo al bambino di costruire automobili, treni, ecc.

Come vedi il gioco si rinnova sempre e cresce con l’età del bambino. Perché investire tanto su un gioco che poi abbandonerà presto perché si rompe o è adatto solo ad un’età specifica? I blocchi da costruzione sono consigliati da 2-3 anni in su, senza limite di età!

SUPER ATELIER DEL COSTRUTTOREPer i più creativi ci sono anche dei “Meccano” di legno come quelli della Heros, SES o altre marche più o meno note. Alcuni hanno degli inserti in plastica che trapassano i pezzi di legno preforati e li assicurano insieme, mentre altri, più complessi, hanno viti e bulloni di legno/plastica con annessa chiave inglese e giravite!

wood-meccano

Con queste confezioni si diverte anche il papà, perché nella quasi totalità dei casi, le prime volte è necessario guidare il bambino ed invogliarlo: alla fine non è un gioco semplice e non ci sono le istruzioni passo passo come i Lego. “Non bastavano i Lego?” direte voi… mi permetto di dissentire e vi rimando alle tesi dei sostenitori del metodo Waldorf (o Steineriano) in cui si fa largo uso di oggetti in legno.

La pista per le biglie

La pista per le biglie è sicuramente una delle modalità più divertenti di costruire con i blocchi in legno, perché permette di riutilizzarli in modo “attivo”, ovvero provando a realizzare qualcosa di cui sperimentare subito il funzionamento, correggere errori, adattare ed estendere all’infinito. I blocchi non sono quindi più fini a se stessi ma servono da supporto a qualcosa di più complesso.

Ne esistono varie tipologie in commercio, qui vediamo rispettivamente alcune delle più famose: Haba, Cuboro e Quadrilla. Ognuna ha i suoi perché, valuta tu tra stile, gusto personale e prezzo.

Previous

Ecco le piste in azione!

Questo è un Cuboro Fan Site dove potrai trovare tante altre informazioni su Cuboro.

Il riutilizzo dei pezzi

Come detto all’inizio dell’articolo e come per qualunque gioco di costruzioni, si favorisce il riutilizzo anche se non c’è un vero e proprio standard sulle misure, come ad esempio quello sui binari per i trenini di legno. L’originale gioco dei trenini è stato inventato dalla svedese Brio (gioco che risale ai primi anni 50); in questo caso gli altri produttori si sono adattati a questo standard, compresa IKEA e il suo famoso trenino, noto per diffusione al pubblico ma non per qualità di realizzazione (la Brio infatti utilizza legno di prima scelta, ha un catalogo molto vasto solo per i trenini e il prodotto finale è qualitativamente superiore); nei caso delle costruzioni, la Haba ha sfruttato il suo standard di misure al meglio fornendo kit ed elementi aggiuntivi sempre compatibili con i blocchi più elementari, preservando l’investimento dei suoi clienti: non tutti i produttori di costruzioni però hanno convenuto su questo standard di misure e perciò sul mercato si trovano set compatibili e altri no: prima di comprare cercate sempre di capire quale è la misura esatta del pezzo più essenziale (tipo il cubo) per farvi un’idea della compatibilità.

Nella foto sottostante si vede bene come sono combinati i set di base (nota i parallelepipedi sfruttati per sorreggere le rampe più alte), gli inserti in plastica arancione per rendere robusta la costruzione (il kit Technics) e i pezzi speciali con la scanalatura per far scivolare le biglie e realizzare la pista vera e propria.haba-mixed-set

KAPLA: il set di costruzioni monoforma

kapla1000Una menzione particolare va al Kapla, un tipo di blocco da costruzione di una semplicità disarmante: i pezzi hanno tutti la stessa identica forma, ovvero un parallelepipedo lungo 11,7 cm, largo 2,3 cm e spesso 0,8 cm; può essere di legno non colorato oppure dipinto. Le tre dimensioni di ciascun blocco sono in proporzione 1 : 3 : 15.

kapla-buchette-bois1A prima vista non sembra, ma la particolare forma di questo pezzo è adatta a costruire molte cose, anche parecchio diverse tra loro… ma solo se ne hai in grande quantità! La scatola base di 200 pezzi è sufficiente a costruire una torre o una piccola casa: per costruzioni più interessanti sono necessari almeno 1000 pezzi. Per farti un’idea veloce di cosa si può realizzare con i Kapla clicca sul prossimo link di Google Immagini, rimarrai stupito dalla creatività delle persone!

Il fatto che ci sia un solo tipo di pezzo costringe il bambino a ragionare in modo diverso dal solito, cioè quando ha una gran varietà di forme da sfruttare. Il Kapla è l’antitesi dei blocchi di legno classici, un approccio diametralmente opposto, sicuramente da provare.

Previous

Idee per giocare

Finalmente sei arrivato alla parte più creativa di questo post, ovvero una serie di suggerimenti per giocare con i blocchi derivata dalla mia esperienza, da ciò che ho trovato in rete e dall’osservazione dei bambini. Le idee sono elencate in ordine sparso.

Soldatini

Con i classici soldatini puoi costruire gli scenari per la battaglia, le basi (tipo fortino) dei due schieramenti, delle rovine, uno scenario, ecc. Trovi una foto di esempio su Flickr mentre questa foto rappresenta ciò che ha costruito mio figlio più grande utilizzando solo Kapla, personaggi Playmobil e animali in plastica.

fortino-kapla

Fattoria, zoo e recinti

crea-blocks-fattoria

Con gli animali in plastica e altri piccoli oggetti puoi costruire uno zoo, una fattoria o semplicemente dei recinti (per questo il Kapla si presta bene).

Ti puoi accontentare di separare gli animali nei recinti, oppure puoi costruirci anche una stalla più dettagliata, il granaio, la casa del contadino, ecc. L’importante è che ogni cosa trovi il suo posto secondo la fantasia del bambino oppure secondo una logica più aderente alla realtà. Cerca qualche foto di fattorie o zoo, ti può far venire in mente dettagli su come costruirli.

Con mia figlia più piccola, dopo aver visto tutta la serie del cartone animato di Heidi, abbiamo costruito la baita del nonno con la stalla piena di pecorelle, arredata con i mobili in legno della casa per le bambole!

Pista elettrica con le macchinine

Nell’esempio qui sotto mio figlio si è divertito a costruire tutta la città intorno alla pista di Formula 1, un pò come succede ai circuiti cittadini come Monaco. Quando un’auto esce di pista farà anche dei danni alle strutture e quindi il divertimento della gara si somma a quello delle distruzioni per le uscite di pista accidentali! Nella foto si intravede in alto un binario per un treno che gira intorno alla pista, dando ancora più movimento allo scenario. Per finire ha utilizzato i blocchi per sorreggere la pista nei punti in cui si sovrappone.

scalextric-blocks

Merce da trasporto

truck-blocksI bambini più piccoli possono usarli insieme a camion o altri mezzi di locomozione come merce da trasportare (casse, barili, ecc.), oppure come materiale da carico come rocce, tronchi, ecc.

Si può anche giocare a trasportare il materiale da un sito di estrazione ad un sito di costruzione con i mezzi (dalla scatola al punto in cui si vuole costruire).

Mix Lego e legno

domino_builderUtilizzare il classico Lego e i blocchi in legno è sicuramente un modo interessante per fare nuovi esperimenti. Alcuni esempi:

  • Creare un terreno con i blocchi in legno come una piccola collina, una montagna, una caverna, ecc. dove giocare e posizionare costruzioni e mezzi di trasporto Lego.
  • Costruisci una casa con i blocchi di legno e poi arredala con dei mobili e personaggi costruiti in Lego.
  • Per i più grandicelli: costruire un robot di Lego che posiziona pezzi di legno per il domino, (al link c’è anche il video del robot in funzione).

Automobiline

stradeSe hai delle automobiline, con i blocchi puoi costruire una piccola città o un percorso dove farle girare. Anche il classico parcheggio multipiano che viene venduto già costruito, può diventare un gioco molto più interessante, perché lo si deve costruire prima di usarlo con le automobili.

Un’altra variante di questo gioco è suggerita dall’interessante blog di Laura Pickens in cui si gioca insieme (adulto e bambino) per imparare le quattro direzioni: avanti, indietro, destra e sinistra. L’adulto dà verbalmente le direzioni al bambino che guida l’automobilina per fargli superare gli ostacoli ed arrivare a destinazione. Il gioco può essere fatto al contrario lasciando dirigere il bambino mentre voi spostate l’auto.

Due o più bambini

torreDai un set di pezzi identici a due o più bambini e dai un tema di costruzione (es. la torre più alta, la casa più robusta, il ponte più lungo, ecc.) con cui dovranno cimentarsi come in una gara, o semplicemente avere uno spunto per costruire. Avere un set di pezzi per bambino può aiutarli a non litigare.

Un altro modo per farli giocare insieme e capire le regole del “team play” è fargli costruire una città, un edificio o un castello in modo cooperativo: ognuno costruisce una parte e poi si uniscono con mura, strade e ponti. In questo modo ognuno costruirà ciò che vuole, nelle proprie possibilità, e vedrà un risultato più grande di cui è stato in parte l’artefice.

 

Riproduci monumenti e palazzi

Con una foto di un monumento o palazzo famoso alla mano, cerca di riprodurlo il più fedelmente possibile con i tuoi blocchi di legno; al termine fai una foto e confrontala con una foto dell’originale.

L’incendio e i soccorsi

fireIl blog Hands on as we Grow parla in generale di idee per giocare con i bambini: ci sono alcuni interessanti spunti, tra cui inserire nella scena costruita, dei blocchi speciali con incollato un pezzo di carta, stoffa o altro che possa simulare un incendio… da spegnere ovviamente! Utilizzando i mezzi di soccorso che avete (camion dei pompieri, autocisterna, ecc.), una volta che il palazzo prende fuoco, ci si può divertire a spegnerlo avvicinando i mezzi e i pompieri buttando via i blocchi che vanno a fuoco per simulare lo spegnimento.

Aggiungo io: si possono inserire dei personaggi da salvare con scale mobili dei pompieri ed eventualmente portarli via con le ambulanze. Se non avete questi mezzi potete sempre costruirli con il Lego! Inoltre potete simulare l’avanzare dell’incendio togliendo i blocchi “bruciati” e spostando le fiamme di tanto in tanto per dare realismo+pathos alla scena.

Crea il tuo puzzle

puzzle-blocksSempre da Hands on as we grow un’altra interessante idea per far sviluppare le tecniche di problem solving.

Con del nastro carta adesivo (o usando altro in grado di circoscrivere una zona) si può delimitare un’area a terra o sul tavolo e lasciarla riempire di pezzi finché non si copre tutta al superficie. Non c’è uno schema preciso per completare il gioco, l’importante è che non ci siano spazi vuoti.

L’attività risultante è un mix tra Tetris e puzzle che metterà alla prova le loro capacità spaziali.

Aggiungo io: per i più grandi una sfida più impegnativa potrebbe consistere nel tentare di compattare tutti i pezzi in un unico monoblocco (in tre dimensioni) cercando di fargli occupare il minor spazio possibile, sempre senza lasciare spazi vuoti.

Il trenino di legno

cross-contaminationInsieme al trenino in legno puoi costruire gallerie, stazioni, casette per il paesaggio, ponti, pilastri per sopraelevate.

In questo caso è utile avere una locomotiva elettrica perché quando il treno passerà sotto le gallerie, sarà difficile spingerlo o tirarlo! Se acquistate anche i binari a rampe per realizzare salite e discese, i blocchi in legno risulteranno un’ottimo complemento di costruzione.

Birilli/Bowling

block_bowling

indoorbowling

Puoi costruire una sorta di “birilli” o costruzione di qualche genere per poi abbatterla con una palla che rotola, come il gioco del Bowling… oppure creare la mini pista da bowling!

Questo genere di gioco è adatto ai bambini più piccoli, che si divertiranno in particolare a distruggere, utilizzando un mezzo (la palla), piuttosto che usare solo mani e piedi. La differenza principale con i birilli è che questi ultimi sono già costruiti, bisogna solo posizionarli, mentre con i blocchi sei tu l’artefice dell’oggetto da buttare giù, il che rende un gioco “scontato” come i birilli, più interessante e creativo.

roman-archArco romano

La Haba vende un set per sperimentare la costruzione di un arco romano molto realistico; in alternativa puoi cercare di realizzarlo ingegnandoti con i pezzi già a tua disposizione: non deve essere necessariamente in stile romano per essere divertente o realistico.

Puoi aumentare la complessità cercando di costruire archi sempre più ampi tentando di farlo man mano più grande, fino ad arrivare a farlo come nel video seguente.

Riordinare i blocchi

sortingPer i più piccoli: semplicemente spargili a terra e poi chiedi al bambino di riordinarli per categorie di blocchi uguali o simili; è divertente ed istruttivo! Ho notato che funziona meglio con le bambine di 4-5 anni.

Si può fare anche dopo che i bambini hanno giocato, quando rimettono tutto a posto: fai ordinare i pezzi per tipologia o set prima di riporli nelle rispettive scatole.

Elementi di paesaggio

trees

Puoi aggiungere alla costruzione elementi di decorazione come ad esempio, in un paesaggio, un lago/fiume (colorando un foglio di carta di azzurro e ritagliandolo a forma di diyroadsignslago/fiume), o degli elementi di natura come cespugli, prati, ecc. Puoi anche aggiungere delle insegne o dei simboli agli edifici o dei disegni. Se necessario puoi attaccarli ai blocchi con lo scotch roadsbianco trasparente (che non rilascia colla). Ulteriori idee possono comprendere strade, segnali stradali, parcheggi (con le strisce), fontane, ecc.

In questo modo diventa un gioco nel gioco, disegnare, ritagliare, colorare e poi assemblare tutto insieme.

La bilancia

bilancia-pendoloSe hai una bilancia a due piatti, puoi far giocare il bambino e fargli sperimentare quanto pesano i blocchi gli uni rispetto agli altri o con i contrappesi forniti nella bilancia stessa. E’ un gioco divertente che permette di scoprire empiricamente i rudimenti dell’attività del pesare le cose e sperimentare “quanto pesa” qualcosa.

Il terremoto

Puoi simulare gli effetti di un terremoto senza fare danni veri!

Al centro di un normale tavolo, costruisci una casa con i blocchi, anche di due o più piani, inserendo all’interno dei personaggi e/o del mobilio (ad esempio quello delle case per le bambole). Questa di seguito è un casa che abbiamo costruito allo scopo io e i miei figli: il più grande l’ha costruita insieme a me e ad un amico, la più piccolina l’ha arredata con mobilio e personaggi.

Previous

Una volta completata, fai vibrare leggermente il tavolo scuotendo le gambe e stai ad osservare quello che succede, controllando poi i danni subiti: soffermati sulle vittime, sulle parti che hanno resistito e quelle che sono crollate subito. Riprendi il crollo con una videocamera e rivedilo anche al rallentatore per vedere cosa accade e far notare bene ai piccoli che significa “terremoto”. In quella giornata abbiamo giocato per ben 3 ore senza sosta o distrazioni: il momento del crollo è stato esilarante per i bambini, lo hanno voluto rivedere in video più di 10 volte e ancora oggi, dopo settimane, ancora se ne parla!

La casa antisismica

Sempre in tema, si può giocare a chi costruisce la casa più antisismica, facendo più case sullo stesso tavolo, vedendo quale crolla prima o si distrugge di più al momento del terremoto: per dare una regola di uniformità si potrebbe richiedere che la casa abbia certe caratteristiche come ad esempio: due piani, una scala e tetto spiovente oppure che tutti i partecipanti abbiano lo stesso set di pezzi.

La guerra

war

Forse questo è un dei modi più scontati con cui giocare, ma vediamo se questi ti sono mai venuti in mente:

Bombardamento: semplice

Con degli oggetti come palline in plastica o di gomma puoi giocare a “bombardare” la costruzione per vedere quanto resiste e come crolla oppure fare una battaglia e vedere chi distrugge prima la costruzione dell’avversario.

Bombardamento: con vittime

Come prima, una volta costruiti due fortini, si inseriscono all’interno dei personaggi in piedi: il primo che, tirando la suddetta pallina, riesce a farli cadere tutti, ha vinto. La forma delle due costruzioni può essere la stessa o diversa: sbizzarrisciti! I bambini più smart che ho visto, realizzavano, all’interno del fortino, una sorta di bunker più resistente per proteggere dai colpi alcuni soldati al loro interno e vincere la partita.

Wargame

wargame

Se i bambini sono grandicelli, puoi farla più complicata: metti delle regole alla guerra, similmente ai wargame con le miniature tipo Warhammer! Il gioco è godibile lo stesso senza spendere soldi in sontuosi scenari e miniature dipinte. C’è tempo per crescere e per sperperare soldi in qualcosa di così sofisticato come i giochi di miniature: l’essenza del gioco è ciò che conta, non i dettagli.

Angry Birds

angrybirdsHai mai giocato al popolare gioco da smartphone Angry Birds? Ne vendono anche tante versioni dal vivo, principalmente in plastica, costruzioni incluse. Perché invece non costruisci tu i livelli di gioco con i tuoi blocchi da costruzione? Verranno molto più grandi e belli. Se preferisci usare i personaggi con fattezze simili a quelli del videogame, piuttosto che un qualunque pupazzetto, dovrai procurarteli prima da qualche parte, come ad esempio quelli in plastica della linea Giochi Preziosi oppure di peluche. Ora ti manca la fionda da cui lanciarli, anche qui, puoi procurartela in negozio di giochi oppure, meglio, costruirla da te: ad esempio potresti realizzare una specie di catapulta, sempre con Lego o costruzioni di altre marche.

Parole

IMG_2534Utilizza i blocchi di legno per creare delle scritte, piccole o grandi, cercando di riprodurre lettere e numeri. I più bravi potranno creare un vero e proprio stile senza utilizzare le classiche lettere a forma di cubo con stampata o incisa sopra ogni lettera. Qui sopra un esempio in cui mia figlia di 4 anni scrive il suo nome.

Party di “costruzioni in legno”

Scusa il gioco di parole, ma se vuoi far fare qualcosa di “costruttivo” ai bambini quando si incontrano con gli amici… prendi tutti i blocchi da costruzione che possiedi e spargili su un tavolo o sul pavimento. Sarà un’attrazione irresistibile, come lo è stato per i miei figli e i loro amici quando si sono incontrati un pomeriggio: vedi foto sottostante (perdona la bruttezza ma ho necessariamente dovuto oscurarla per questioni di privacy).

IMG_2682

Proveranno a cooperare, poi ognuno costruirà qualcosa di suo, confronteranno continuamente cosa stanno facendo gli altri, faranno gare, chiederanno aiuto, si ruberanno i pezzi, in buona sostanza saranno letteralmente presi da una sana esplosione creativa che li possiederà per qualche ora!

Suggerimento: se ti metti insieme a loro saranno contentissimi e potrai aiutarli di tanto in tanto a facilitargli dei passaggi di costruzione più complessi… ma attento a non farti prendere la mano: NON DEVI costruire qualcosa tu! Saresti troppo bravo rispetto a loro e gli creeresti frustrazioni; intervieni solo in caso di litigi, se cominciano a tirarseli o se ti chiedono esplicitamente aiuto per qualcosa.

…se proprio ci vuoi giocare e la sindrome di Peter Pan ti assale… aspetta almeno che abbiano finito loro!

Gli Hexbug Nano

Con gli Hexbug Nano, puoi divertirti a costruire labirinti e piste (al posto del labirinto ufficiale che vende la stessa casa). Guarda subito il video seguente per capire cosa intendo:

Alcuni suggerimenti per giocarci:

  1. Costruisci un labirinto e stai a guardare come il bug trova l’uscita e in quanto tempo.
  2. Se ne hai almeno due, con due bambini ad esempio, puoi fare la gara per vedere quale bug trova l’uscita prima.
  3. Oppure organizza una partita: puoi creare un labirinto con delle stanze da trovare che valgono un certo numero di punti, facendo partire tutti i bug da un punto di partenza comune. Gioca n volte e poi somma i punti; per renderlo ancora più divertente puoi metterci dei trabocchetti utilizzando altri materiali.

Il criceto/topino nel labirinto

In alternaiva agli Hexbug Nano, se hai un piccolo roditore in casa come un criceto, puoi fargli un labirinto in cui dovrà cercare l’uscita o trovare del cibo. E’ molto divertente starlo a guardare per vedere cosa fa.

In questo video un topolino dimostra la sua bravura nel trovare l’uscita mettendoci sempre meno tempo ad ogni tentativo. Esistono decine di video del genere con labirinti costruiti con il cartone, con i Lego, e altri materiali. Sembra proprio che i roditori si divertano, come si vede in certi video in cui, volendo, potrebbero tranquillamente scavalcare i muretti, ma semplicemente non lo fanno e seguono i corridoi e i tunnel… tutto sommato, deve piacere anche a loro!

Libri sull’argomento

booksEsistono anche libri sull’argomento per guidare i bambini nella costruzione. Un esempio tra alcuni disponibili è Block building for children di Lester Walker: 18 progetti da realizzare con centinaia di disegni delle fasi di costruzione.

E infine… mischia tutto!

Mischia set di produttori diversi per creare nuove possibilità o ingrandire la costruzione. Se puoi acquistare dei set aggiuntivi, selezionali, preferibilmente, con le stesse proporzioni, in modo che possano essere combinati più facilmente.

Nella foto seguente mio figlio ha mischiato ben 7 set differenti (set blocchi generici Haba, set blocchi castello Discovery Kids, Kapla, set blocchi architetturali di una cattedrale, set blocchi generici colorati, set di case disegnate prese dalle confezioni dei trenini in legno e set di cuspidi), risultato: un grande villaggio medievale. Ha usato i soliti Playmobil per popolarlo e metterci dettagli di ogni genere, la sua creatività non ha avuto limiti ed è rimasto impegnato un intero pomeriggio con grande soddisfazione sua, dei suoi genitori e degli amici che sono venuti a giocare con lui!

villaggio

Un altro esempio: nella foto seguente sono stati utilizzati 12 set della Treehaus e un set di The Village Blocksmith.

casle-treehaus_blocksmith

Per chi non si accontenta

…ovvero quando questi giochi in legno ti piacciono proprio tanto!

blocchi_cortecciaBlocchi grezzi

Se vuoi veramente andare all’essenza di questo gioco, puoi provare i blocchi di legno… talmente naturali che hanno ancora la corteccia!

E’ sicuramente un modo estremo per giocare ad impilare blocchi di legno ma sicuramente valido. A mio avviso le creazioni potrebbero anche essere usate come oggetti di arredamento (es. soprammobili)… quando ti sei stufato della forma, la smonti e ne fai un’altra!

Li vendono in vari negozi on-line tra cui Amazon.

 

teguBlocchi magnetici

Grazie ad un’anima magnetica, la Tegu è riuscita a produrre delle costruzioni completamente in legno che permettono creazioni impossibili da realizzare con i soli blocchi di legno classici.

Ne esistono vari set e di forme diverse: se pensavi che le GeoMag fossero le migliori costruzioni magnetiche, dovrai ricrederti.

Oltre ai blocchi base esistono anche gli accessori come le ruote (magnetiche anch’esse), pezzi di forme più complesse, tanti colori e forme particolari per realizzare robot, auto, astronavi, ecc.

 

mokulock

“Lego” di legno

Dal giappone, il più classico dei mattoncini Lego in versione di legno!

La Mokulock ha realizzato una sorta di clone del mattoncino più famoso del mondo. Da quello che ho potuto constatare hanno un solo tipo di pezzo, il che, per certi versi, rende il gioco simile al Kapla con la differenza che la costruzione complessiva si tiene molto meglio.

 

set_enormiSet GIGANTI

Se vuoi realizzare qualcosa di veramente imponente, oppure devi far giocare insieme più bambini, hai bisogno di taaanti pezzi. Alcuni produttori hanno siti specializzati che vendono convenienti set, oppure permettono di ordinare tanti pezzi di un solo tipo: un pò come comprare viteria da un ferramenta!

Barclaywoods è uno di questi siti: purtroppo è statunitense, quindi le spese di spedizione sono un pò altine visto che il legno ha un certo peso. Un altro, sempre oltreoceano, è BacktoBlocks.

Il pezzo che non c’è

blocchi_disegnatiSe sei un papà un pò tuttofare, hai manualità e ti piace lavorare il legno, potresti anche pensare di costruirti dei pezzi speciali che non produce nessuno! Alcuni lo fanno e condividono le proprie invenzioni su YouTube (vedi video più avanti), blog e quant’altro.

C’è anche chi, invece di creare i pezzi, li decora, come in questo esempio a fianco mediante un pirografo. Per sapere come si fa, ho trovato due blog: uno e due.

blocchi_artigianaliI più bravi ne fanno un mestiere e vendono le loro creazioni su internet come The Village Blocksmith (castello a fianco). Peter Dzuliak che lo ha realizzato fa della costruzione dei castelli un’arte ed un mestiere allo stesso tempo: non è solo un gioco per bambini. Li rifinisce nei particolari, crea pezzi originali e come un falegname fa con il mobilio, ne produce anche una serie con lucidatura ad olio.

Scommetto che a molti di voi darebbe gusto tentare di costruire un castello con questi pezzi. Ritengo tutto sommato che questo genere di pezzi rientri nel lusso, visto che il set più grande di 200 elementi con finitura ad olio costa ben $400.00 inclusa la spedizione per l’Europa!

Di seguito un video di come si costruisce il suo set da 133 pezzi.

Come fabbricare cubi di legno

Una pista per le biglie autocostruita!

Conclusioni

Se sei arrivato fin qui, forse vuol dire che non vedi l’ora di acquistare qualche set, di integrare quello base che già possiedi o di sperimentare qualche suggerimento che ti ho dato; in tutti i casi mi congratulo con te: dimostri che ti sei emozionato come un bambino anche se sei adulto, e che vuoi bene ai bambini che conosci perché stai approfondendo l’argomento.

Ho scritto questo articolo perché credo che sia veramente importante far aumentare l’adozione in Italia della cultura di questo genere di gioco che ha origini antiche ma è sempre attuale.

Non mi rimane che augurare buon divertimento al bambino che deciderai di far giocare con questi giochi e, perché no, anche al bambino che è in te: io lo faccio spesso e con gran gusto, per tutta la mia famiglia.

Gioca con i bambini, non è mai tempo sottratto a cose più importanti.

comments powered by HyperComments