Appunti per l’acquisto di un’auto nuova

Questa pagina non vuol essere una guida, né ha la pretesa di contenere tutto ciò che c’è di importante da sapere o fare per trovare la miglior auto per voi; semplicemente è ciò che posso condividere come esperienza personale riguardo l’acquisto di una nuova auto, unendo l’esperienza condivisa di altri su tale argomento.

Questo è un articolo pubblicato in automatico dal Wiki Mindcreations. Per contribuire a migliorarlo fai click più in basso al link origine.

 

 

var gaJsHost = (("https:" == document.location.protocol) ? "https://ssl." : "http://www.");document.write(unescape("%3Cscript src='" + gaJsHost + "google-analytics.com/ga.js' type='text/javascript'%3E%3C/script%3E"));try {var pageTracker = _gat._getTracker("UA-332529-2");pageTracker._trackPageview();} catch(err) {}

Premessa

Questa pagina non vuol essere una guida, né ha la pretesa di contenere tutto ciò che c'è di importante da sapere o fare per trovare la miglior auto per voi; semplicemente è ciò che posso condividere come esperienza personale riguardo l'acquisto di una nuova auto, unendo l'esperienza condivisa di altri sull'argomento. Per quanto mi riguarda, e penso di poter parlare per molti italiani, dopo la casa, l'acquisto più importante (e costoso) che si fa è proprio l'auto, e proprio per questo, bisogna pensarci bene.

Consigli generali

Tutti consigli che non sono da prendere in considerazione in tutti i casi d'acquisto, ma solo da spulciare per farsi venire in mente dei criteri di scelta ragionati.

  1. Più si tiene un'auto e più si ammortizza la spesa fatta.
  2. Le formule di contratto delle case automobilistiche finalizzate al cambio dell'auto ogni N anni, a livello prettamente economico non convengono, vi fanno ottenere sempre il meglio di una casa automobilistica, ovvero il modello nuovo, ma ad un prezzo non basso. RIPETO non convengono, proprio per il punto precedente.
  3. Se un marchio propone il tasso 0% è da preferire a uno che non lo propone ed offre un'auto con le medesime caratteristiche (il risparmio può variare da 2000€ in su a seconda del costo complessivo dell'auto e della durata del finanziamento). Un esempio: un tasso 0% su 3 anni, rispetto ad un tasso qualunque su 5 anni per un'auto con un prezzo di 25.000€ può far risparmiare anche fino a 4500€ sulla spesa complessiva.
  4. Acquistare un'auto nuova spesso non conviene (a volte è meglio l'usato o il km zero).
  5. Prima di scegliere la marca e il modello esatto dell'auto consultare Wikipedia e verificare in quale anno è stata messa sul mercato confrontando modelli di altre marche dello stesso segmento, scartare quelle troppo vecchie perché altrimenti si rischia di acquistare un'auto tecnologicamente già antica e che probabilmente consuma anche di più ed è meno sicura. Esempio: se si è ad un bivio di scelta tra due o tre auto le quali sono uscite sul mercato rispettivamente nel 2006, nel 2007 e nel 2009, preferire in genere quella del 2009 sempre che tutti i modelli su cui si è indecisi siano analoghi come caratteristiche ricercate e prezzi.
  6. Sempre con Wikipedia, scoprire a che serie si è arrivati di un particolare modello per ogni marca. Il modello più maturo, sarà quello che ha un'anzianità maggiore. Esempio: tra tre modelli tipo, indipendentemente dalla marca, è meglio scegliere la terza serie di un modello piuttosto che una serie inedita (quindi la prima) o un modello di seconda serie.
  7. Se è possibile aspettare, acquistare l'auto dopo almeno 6 mesi che è uscita sul mercato. Le case automobilistiche di solito correggono i difetti sulle versioni prodotte successivamente alla prima. Alcuni di questi difetti non possono essere corretti sulle auto di prima versione o non sono coperti da garanzia del costruttore.
  8. Spulciare sempre bene tutti i forum di discussione che si riescono a trovare su internet riguardo i modelli cui si è interessati: si possono scoprire cose che neanche le riviste specializzate possono sapere. Se si conoscono altre lingue, effettuare ricerche anche nei forum non italiani.
  9. Leggere recensioni da vari siti automobilistici sia italiani che stranieri per farsi un'opinione più oggettiva sui modelli cui si è interessati.
  10. Informarsi sulle auto che sono state presentate all'ultimo salone europeo/mondiale sull'auto per evitare di acquistare un'auto che sarebbe superata a breve dopo l'immissione sul mercato del nuovo modello... a pochi mesi di distanza! I concessionari sicuramente non lo dicono o più semplicemente ignorano l'esistenza del nuovo imminente modello.
  11. Informarsi sul sito internet delle case costruttrici selezionate per modelli, allestimenti, versioni, accessori e prezzi dell'auto che interessa. Molte case automobilistiche permettono anche di configurare online il veicolo che si vuole acquistare, scaricarne il catalogo ed il listino prezzi; inoltre spesso sono indicati anche gli sconti, le promozioni ed eventuali agevolazioni sui pagamenti.
  12. I siti delle case automobilistiche più all'avanguardia danno anche la possibilità di scaricare il manuale d'uso e/o del navigatore/autoradio. I manuali rivelano molti dettagli trascurati da recensioni, riviste e opinioni. Ad esempio può essere utile sapere se l'auto prevede gli attacchi ISOFIX per i seggiolini dei bambini, in quali posti, e in che configurazione.
  13. Controllare sul sito del Ministero dei Trasporti, la sezione dedicata ai richiami tecnici, a cui le case costruttrici devono sottoporre alcuni veicoli che hanno manifestato difetti che possono interessare la sicurezza ed il buon funzionamento del veicolo.
  14. Accertarsi che il venditore a cui ci si rivolge, sia attualmente un concessionario ufficiale di quella casa, non è difficile trovare infatti, in questi ultimi anni, concessionari che hanno rotto l'accordo di concessione ed esclusività ma continuano a vendere auto rifornendosi da altri rivenditori ufficiali.
  15. Chiedere ad amici e parenti se sanno raccomandare una persona in particolare all'interno della concessionaria scelta.
  16. Richiedere una prova su strada del veicolo che si vuole acquistare per valutare: comfort, silenziosità, tenuta di strada, accelerazione, posizione di guida, spazio per il piede sinistro, ergonomia degli strumenti e comandi, la frenata.
  17. Se si possiede un'auto da rendere in permuta, informarsi prima sulla quotazione delle auto usate, chiedere al concessionario il prezzo con e senza usato e valutare la differenza. Ricordarsi anche che si può provare a vendere il proprio usato ad un privato e presentarsi poi al concessionario per l'acquisto senza rendere l'usato, in questo caso il venditore, applicherà lo sconto massimo e si otterrà dal ricavato dalla vendita dell'usato una cifra più alta rispetto a quella proposta dal concessionario.

L'allestimento, la versione e la dotazione

  1. Preferire la vernice metallizzata: si opacizza/sbiadisce molto meno velocemente di una non metallizzata.
  2. Verifica quale normativa anti-inquinamento rispetta il veicolo scelto, se è dotato di filtro antiparticolato e quant'è il valore di emissione di CO2, questo valore è importante da considerare per future e possibili restrizioni alla circolazione.
  3. Evitare i rivestimenti in pelle, e in particolar modo i sedili, per vari motivi:
    • In estate fanno sudare
    • In inverno sono freddi
    • Si sporcano facilmente
    • Se si hanno bambini si rovinano subito
    • Si puliscono con più difficoltà
    • Costano molto (da 2000€ in su)
    • In buona sostanza servono solo a fare i fighetti (ma vi conviene?)
  4. Preferire sempre i modelli con ruota di scorta (o da aggiungere come optional) piuttosto che kit di riparazione, bombolette, ecc. I motivi sono due: se il pneumatico si squarcia il kit è inutile e il costo della sostituzione della bomboletta (che si usa una sola volta) può essere molto alto, anche 80€.
  5. Se avete deciso per i cerchi in lega orientatevi sul disegno piu semplice e senza incavi o fessure strane perché poi per pulirli sarà una rogna.
  6. Informatevi sul costo dei pneumatici nuovi a seconda dell'allestimento dei cerchi e delle versioni disponibili. Il prezzo per singolo pneumatico può variare moltissimo, anche da 100 a 300€!!

Preventivi e questioni economiche

  1. I preventivi fatti dai configuratori on-line sul sito web di una casa automobilistica sono solo indicativi perché:
    • Non tengono conto degli sconti praticati dai singoli concessionari
    • I siti web vengono aggiornati solitamente più tardi rispetto alle comunicazioni di variazione prezzi inviate ai concessionari (via fax, email, ecc.)
    • Alcuni configuratori non tengono conto dei finanziamenti personali, della rottamazione, degli incentivi e altre particolarità
    • Spesso riportano condizioni poco chiare rispetto a sconti/promozioni solo per invogliare il cliente con formule pubblicitarie tipo "fino a 3000€ di eco-incentivi", poi scoprendo che i 3000€ di incentivo ci sono solo per il modello top della gamma.
  2. Per il punto precedente è quindi necessario recarsi dal concessionario per approfondire l'acquisto; si consiglia di recarsi da più di un concessionario per cercare di valutare le offerte migliori, la logica vorrebbe che si acquisti dal concessionario competente per la propria zona quindi, lasciare per ultimo quello dove farebbe più comodo acquistare, in modo che ci si possa presentare già informati su prezzi e condizioni.
  3. Se si cerca principalmente il risparmio economico, acquistare un modello di auto che non sarebbe più vendibile per un concessionario/marchio subito prima che lo diventi, è uno dei migliori acquisti che si può fare. Un esempio: acquistare un'auto Euro 4 nuova, un mese prima che entri in vigore il divieto di vendere auto nuove Euro 4 ma solo Euro 5, permette un potere d'acquisto notevole sul concessionario.
  4. Considerare la possibilità di estendere la garanzia originale della casa (di solito fino a 4 anni/40.000km).

Il contratto di acquisto

Una volta deciso l'acquisto, far scrivere nel contratto più informazioni possibili e soprattutto:

  • Pretendere che il contratto venga scritto sullo stampato ufficiale predisposto dalla casa costruttrice perché alcune case costruttrici, rispondono dell'obbligo di consegna assunto dal concessionario; in pratica se si ha regolare copia di contratto sullo stampato ufficiale e magari l'auto è stata saldata ed il concessionario è fallito prima di consegnarla, la Casa si impegna a far avere l'auto per cui si è pagato;
  • Descrizione completa del modello, della cilindrata, dell'allestimento e della versione;
  • Indicazione del colore esterno e degli interni, il tipo di tessuto dei sedili, eventuale annotazione di rifiniture e dettagli del cruscotto;
  • Elenco degli accessori di serie e degli accessori a pagamento;
  • La clausola che il prezzo è bloccato fino alla consegna;
  • Descrizione dettagliata di ogni particolare sopra citato e non il loro codice di ordinazione;
  • Il tempo di consegna stimato, se l'autovettura deve essere ordinata;
  • Il numero di telaio del veicolo se è già disponibile presso il concessionario: in quel caso chiedere di visionarlo subito e controllarlo con attenzione;
  • Se la vettura è già disponibile, chiedere che il veicolo venga chiuso a chiave e non utilizzato, soprattutto come mostra o prove per altri clienti;
  • Non versare una caparra superiore all'8% del prezzo di fattura, nel caso si decida di non comperare più l'auto, il venditore avrà diritto a titolo di risarcimento ad una penale pari all'8% del prezzo convenuto;
  • Se possibile, pagare con un assegno intestato all'azienda venditrice con dicitura non trasferibile;
  • Se si decide di di pagare tramite un finanziamento, prendersi il tempo necessario per consultare anche la propria banca, non impegnarsi subito con il concessionario, non firmare alcuna richiesta di finanziamento ma, ottenere il preventivo migliore, farsi indicare il TAN (Tasso Annuo Nominale: rappresenta il costo degli interessi) ed il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale: comprende il costo degli interessi e degli oneri aggiuntivi, quali spese fisse, assicurazioni varie ecc.)
  • Annotare e controfirmare sul contratto il pagamento avvenuto, la data e l'eventuale indicazione degli estremi dell'assegno;
  • Ricontrollare con attenzione che il venditore abbia scritto tutto ed in modo esatto;
  • Leggere con calma le clausole del contratto e chiedere spiegazioni su quello che non è chiaro;
  • Prima di firmare il contratto ricordarsi che non si ha diritto di recesso (esiste solo per quei contratti stipulati fuori dai locali commerciali del venditore ed entro 7 giorni);
  • Dopo aver firmato il contratto, chiederne una copia controfirmata in originale dal concessionario per approvazione;
  • Ricordarsi che si può recedere dal contratto qualora il veicolo non sia messo a disposizione entro 15 giorni dalla data stabilita per la consegna o entro trenta giorni da quella prevista; in questo caso è necessario inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno al concessionario con la quale si chiede la risoluzione del contratto per inadempienza. Il concessionario dovrà restituire il deposito cauzionale versato entro 15 giorni dalla data di ricevimento della richiesta;
  • All'arrivo della vettura verificare che il veicolo corrisponda a quello ordinato;
  • Il concessionario, probabilmente chiederà di saldare il conto per poi procedere all'immatricolazione: far mettere per iscritto nel contratto la data della consegna che non deve superare i quindici giorni.

La consegna

  • Quando si ritira l'auto, farlo possibilmente in pieno giorno e con il Sole in modo da vedere la presenza di graffi o ammaccature (intorno alla macchina)
  • Provare tutti gli optional (aria condizionata, impianto a gas, ecc.) e la strumentazione di bordo.
  • Posizionarsi di fronte all'auto e verificare che sia tutto in regola, possono capitare difetti di asimmetria o fari disallineati.
  • Uno o più giorni prima di ritirare l'auto farsi comunicare la targa e una fotocopia del libretto di circolazione (altrimenti l'assicurazione dovra poi farsela mandare via fax perdendo tempo).
  • Se notate errori sul libretto (ad esempio data di nascita, codice fiscale, ecc.), notificate subito il concessionario che vi farà un foglio verde da allegare al libretto come errata corrige. Tale "correzione" vale per un mese e serve per circolare. Il PRA impiegherà circa 20 giorni per rettificare il libretto e rispedirlo al concessionario.
  • Se già si possiede una polizza RCA, comunicare all'assicurazione a che ora si ritira l'auto in quanto l'assicurazione della vecchia la faranno scadere a quell'ora.
  • Se non si possiede ancora una polizza RCA, stare molto attenti alla data di stipula in quanto se alla compagnia assicuratrice specificate ad esempio il 1/6/2010 come primo giorno di copertura, in realtà, la polizza sarà valida dalle 24:00 del 1/6/2010! Questo significa che in realtà la polizza è valida dalle 00:01 del 2/6/2010 e se vi presentate dal concessionario a ritirare l'auto al 1° giorno di copertura, vi rimanderanno a casa dicendovi di tornare il giorno successivo.

La manutenzione

  • Evitate gli autolavaggi automatizzati, anche se usano solo acqua ad alta pressione, perché sulle auto nuove creano da subito rigature, graffi ed opacizzazione. Preferire gli autolavaggi fai da te con spugna a mano.
  • Per minimizzare l'impatto economico del tagliando, fate in modo di arrivare al concessionario con il cambio dell'olio già eseguito dal vostro meccanico di fiducia (magari acquistando direttamente voi l'olio consigliato dalla casa) e tutte le piccole amenità di manutenzione ordinaria che potete fare voi, utilizzando ricambi originali (filtri, lampadine, livelli, ecc.). Una volta dal concessionario, ditegli esplicitamente cosa non deve fare all'auto perché ci avete già pensato voi. Potrete abbassare il costo totale anche dal 30-50%. Sfruttate la loro competenza su particolarità che le altre officine "generiche" non potrebbero trattare, come ad esempio l'aggiornamento della centralina dell'auto (firmware).
origine: http://wiki.mindcreations.com/index.php/Appunti_Acquisto_Automobili_nuove
comments powered by HyperComments